« Il tema casa sembra sparito dalle agende dei politici »

“ Il tema casa sembra sparito dalle agende dei politici, locali e nazionali. In realtà senza una casa dignitosa – bene primario e diritto fondamentale – non c’ è famiglia, serenità, futuro ”. Così don Gino Rigoldi all’ Incontro in Assoedilizia  sul tema “ La periferia di Milano. Realtà e strategie ” che ha concluso il ciclo primavera-estate dell’ Osservatorio Metropolitano ( in autunno il nuovo ciclo, ha annunciato Gianni Verga  coordinatore dell’ iniziativa con Alberico Belgiojoso e Carlo Berizzi ) organizzato da Collegio degli Ingegneri e Architetti di Milano, da  ARCHxMI-Associazione Architetti per Milano e da AIM-Associazione Interessi Metropolitani.

Da decenni don Rigoldi, presidente di Comunità Nuova, è promotore di una serie di interventi di alto valore sociale a favore dei più deboli e dei diseredati: dai giovani tossicomani agli immigrati al recupero delle periferie appunto. Con il supporto di Fondazione Cariplo e di altre istituzioni benefiche collabora attivamente con i servizi sociali, adiuvato da educatori e volontari, diventando la figura simbolo della migliore collaborazione pubblico-privato.

Opera nelle “ aree difficili ” nei quartieri Barona, Crescenzago, Baggio, Ponte Lambro, Giambellino, Ortica, le vie Quarti, Lope de Vega, Gola, Arquati, Scanini, Segneri. ” Di fronte al bisogno dei più deboli c’ è solo la risposta di compassione creativa ” sostiene.

Le periferie quale fattore di riqualificazione urbana, di estensione del centro, di congiunzione tra questo e l’ hinterland nell’ ottica della Grande Milano è stato il tema di Belgiojoso che ha illustrato una serie di progetti elaborati e proposti dal suo studio, alcuni dei quali realizzati. Descrivendo una serie di diapositive, ha citato alcuni quartieri-emblema – Bovisa, Villapizzone, Greco, QT8, Feltre miglior esempio di edilizia convenzionata, Assago-Milano Fiori – affermando: “ Le periferie sono in grado di offrire, grazie al verde esistente, al recupero dei manufatti e dei grandi edifici abbandonati, alle aree ancora disponibili, soluzioni residenziali ideali che non devono ripetere l’ errore del Giambellino, ma integrare edilizia residenziale pubblica e privata.”

Tra gli interventi, Fabrizio Schiaffonati, docente del Politecnico: una Commissione parlamentare istituita per studiare i problemi delle periferie – a Milano sono 400.000 le persone che vi abitano in condizioni di disagio – ha concluso due anni di lavoro senza proporre una strategia per la loro soluzione. Sono stati stanziati ingenti fondi, ma a Milano, per le periferie, si sono spesi poche decine di milioni di euro. Poi si è bloccato tutto.

 

              *   *   *

 

I temi dei precedenti Incontri: L’ evoluzione delle legislazioni regionali in materia di territorio; Ruolo e significato dei concorsi di progettazione; Burocrazia e politica.

Il titolo del ciclo: “ Osservatorio Metropolitano – Dibattiti per lo sviluppo e la promozione di una nuova Qualità Urbana ” riassume l’ obiettivo dell’ iniziativa finalizzata ad approfondire le diverse questioni che stanno alla base delle future proposte sullo sviluppo di Milano e della sua Area Metropolitana attraverso il coinvolgimento di relatori esperti e riferiti ad un ampio quadro multidisciplinare. Coordinamento: Alberico Belgiojoso, Carlo Berizzi, Gianni Verga. Supporto e patrocinio di: Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano; Assoedilizia; Cersu-Centro regionale di Studi Urbanistici della Lombardia; Fondazione Ordine Ingegneri provincia di Milano.

Fonte: Achille Colombo Clerici pres. Europasia

 

 

Café Liberty