VERONA TORNA AL MEDIO EVO

Verona ha approvato una mozione di anti-aborto che impegna il sindaco e la giunta a sostenere iniziative per la prevenzione dell’ aborto.

Manco si trattasse di un fatto di cronaca nera, il caso è diventato nazionale. Valanghe di fango sono volate sui proponenti, in particolare su Alberto Zelger e sulla capogruppo del Pd Carla Padovani, rea di aver votato a favore.

Stendendo un velo pietoso sul concetto di democraticità dimostrato dai vertici del Partito Democratico ( vogliono la testa della Padovani per lesa maestà ai diritti dell’ utero ), è importante sapere cosa dice la Scrittura ( quindi parola di Dio ) a riguardo della vita nascente.

Premesso che l’ aborto viene sanzionato dalla Sacra Rota con la scomunica, il profeta Geremia, riportando le parole che furono rivolte a lui da parte di Dio stesso scrisse: ” Prima di formarti nel grembo materno, ti ho conosciuto, prima che tu uscissi alla luce, ti ho consacrato ” ( Ger 1,5 ).

Allo stesso modo parlò Giobbe, quando descrisse la sua vita intrauterina: ” Le tue mani mi hanno plasmato e mi hanno fatto integro in ogni parte, di pelle e di carne mi hai rivestito, di ossa e di nervi mi hai intessuto ” ( Gb 10,8-11 ). Medesimo concetto espresso dal profeta Isaia: ” Ascoltatemi, udite attentamente, il Signore dal seno materno mi ha chiamato, fin dal grembo di mia madre ha pronunciato il mio nome ” ( Is 49,1 ). Parole lapalissiane che ogni essere umano, al di là delle ideologie, delle sensibilità e delle divisione politiche, dovrebbe fare proprie. Se così non è, non rimane che interrogarsi sul mistero di iniquità ( il maligno? ) che attanaglia l’ uomo sin dalla notte dei tempi.

Fonte: Gianni Toffali

Verona

 

Vi aspetti-AMO QUI’

https://www.pensionatiitaliani.it/download/

https://www.pensionatiitaliani.it/lavoro-occupazione-pensione/appuntamento-con-il-mondo-del-lavoro/