E’ tornata la Pasqua

Dal testo: ” La grande luce ” di Mura ed. Jupiter leggiamo:

In questo periodo ci prepariamo alla festa gioiosa della resurrezione. festa e poema della vita che anche la natura celebra con una nuova esplosione di vitalità mentre ogni bocciolo sembra scoppiare per il folle amore d’ aprire i suoi petali al sole!

Ma ricordiamoci. Il nuovo sole nasce dopo i rigori del dicembre, i Salvatori nascono dopo la notte più lunga, il bimbo nasce dopo la scomparsa del vecchio che ha completato il lavoro di una vita vissuta; così la resurrezione del Maestro avviene dopo la sua crocifissione e il dono della Sua vita per l’ altrui salute.

il Cristo interiore è in ciascuno di noi, ma è tuttavia, scomparso dalla nostra vista fin dall’ inizio della Sua involuzione o graduale discesa e stiamo cercando di ristabilire il contatto con Lui. Così dovrà proseguire fino a realizzare la nostra identità e unione. Questo per noi è il significato reale della pia leggenda del ritorno del Cristo.  la vita risponde ad una legge di sacrificio perché la nostra individualizzazione ha comportato l’ egoicità, e quindi l’egoismo, di cui occorre liberarci perché la vita è unitaria.

Ciò comporta l’ amore incondizionato verso gli altri. Essa va vissuta in rapporto al lutto e l’ amore come servizio dovrà irradiare l’ uomo come dal sole irradiano luce e calore.

Vita che dona vita: così dovrà diventare, nell’ andare dai secoli, ogni uomo. Noi possiamo abbreviare questo tempo in quanto abbiamo intrapreso una vita che ci porta all’ anticipata comprensione dei grandi misteri della vita, avendo scelto per noi l’ immane fatica del pioniere. Per questo procediamo avanti e cerchiamo di segnare la strada a chi verrà dietro di noi e dopo di noi.

Il Cristo interiore in noi attende il momento della Sua resurrezione, ma prima dobbiamo passare per la grande fatica della sua crocifissione nella quale consiste la nostra vera e reale trasformazione che è la scomparsa o morte dell’ uomo vecchio.

Sono parte dell’ uomo vecchio i difetti che sono stati accumulati nella discesa, primo tra essi l’ illusione della separatività e della solitudine e, quindi, l’ egoismo che ne consegue; i nostri interessi in contrapposizione a quelli del prossimo, gli istinti della parte terrena in noi stessi, poiché il corpo fisico, o veste terrena, apporta gli appetiti terreni e le illusioni contrapposte alla realtà spirituale. Tutto questo fa parte dell’ uomo vecchio che deve essere crocifisso e ucciso. Ed è vera crocifissione dell’ uomo materiale il privarlo delle sue passioni perché queste fanno parte della sua vita, sia pure illusoria, in quanto tutto ciò che è materiale e separativo è transitorio. Il cuore si era formato nell’ attaccamento a tutte le illusioni e passioni, emotività ed effetti provenienti dall’ uomo terreno e quindi opposti alla natura stessa dell’ uomo reale. Da qui la necessità di passare, come si dice, sul sangue del proprio cuore per estirpare ogni tendenza impura e quindi non degna dell’ uomo reale.

Così, finito l’ inverno della nostra anima, sorge il nuovo il sole, giunge la primavera, perché il crudo inverno evolutivo è passato. La natura si ridesta nella gioia del sole: l’ uomo vecchio, separativo e passionale è scomparso e nasce l’ uomo nuovo, pieno d’ amore, unito al tutto, uno con la vita una. Cristo è risorto!

Come ogni seme, nascono in seno alla terra germoglia e compie la grande fatica di aprite la terra che lo copriva per affacciarsi alla luce, così ogni giorno deve compiere la grande fatica di soggiogare la terra [ il corpo fisico e il mondo fisico ], far affiorare da essa lo splendore dello spirito che vi era sepolto  e diventare centro di potere e di intelligenza ad immagine e somiglianza del suo Creatore. L’ uomo così risorge e, dimentico dell’ illusione della morte, conosce sola vita “.

Vi auguro di poter risorgere e di saper morire ogni notte come diceva San Paolo, per essere sempre più vicini al Cristo vivente, specie nel giorno della festa pasquale.

 

E . . . a questo   punto non mi resta che   augurare una BUONA PASQUA a tutti, da Angela ROSI

 

INFO:  rikferrari@libero.it

Vi aspetti-AMO QUI’: https://www.pensionatiitaliani.it/download/ 

 

La Newsletter di “ Il Simpatizzante “, mese di MARZO – di: A. ROSI & R. FERRARI