. . . indebitamente

Confermata dalla Cassazione e dalla Corte dei Conti la tesi sempre sostenuta dallo staff di RimborsoPensioni.it: l’ Inps NON può richiedere a distanza di anni la differenza tra la pensione definitiva e quella provvisoria o comunque qualsiasi somma erogata in più a causa di un errore dell’ istituto.

ATTENZIONE A NON CADERE NEL TRANELLO!

La Corte di Cassazione con una recentissima sentenza – Cass. civ. Sez. lavoro, Sent., 11-01-2017, n. 482 – ha ancora una volta confermato quanto sostenuto dallo staff di RimborsoPensioni.it dando ragione a tutti quei pensionati che . . .  a distanza di anni dal ricevimento della loro pensione definitiva, si sono visti richiedere dall’INPS la restituzione di ingenti somme percepite secondo l’ Istituto indebitamente.

Molto spesso accade infatti che l’ INPS in sede di liquidazione della pensione commetta degli errori di calcolo che danno luogo ad assegni pensionistici maggiorati e che lo stesso Istituto poi accortosi del proprio errore richieda all’ ignaro pensionato la restituzione delle somme percepite in eccesso.

La Corte di Cassazione e la Corte dei Conti con il suo arresto entrano a gamba tesa contro le richieste di restituzione dell’ Inps stabilendo che pur essendo l’ Istituto legittimato ad operare il ricalcolo della pensione viziata dall’ errore non può operare al recupero delle somme in eccesso corrisposte al pensionato, salvo che l’ indebita prestazione sia dovuta a dolo dell’ interessato.

Nonostante i tribunali continuino a dichiarare illegittima tale prassi, purtroppo l’ Inps  CI PROVA SEMPRE ed emette provvedimenti di recupero delle somme a distanza anche di 10 anni per importi a volte superiori ai 30/50 mila euro!!!

Purtroppo l’ unica possibilità per difendersi da questo arbitrario e scorretto modo  di fare è quella di rivolgersi ad un legale e contestare le pretese dell’ Inps con un ricorso al Giudice delle pensioni in Tribunale o alla Corte dei Conti.

RimborsoPensioni.it  da sempre attento a questa tematica è a disposizione per tutti coloro i quali avessero questo tipo di problema nei confronti dell’ Istituto Previdenziale poiché solo attraverso il ricorso davanti ad un Giudice l’ INPS rinunzierà agli importi richiesti a titolo di restituzione, quindi se siete pensionati a cui è cui è stata richiesta la restituzione di somme non dovute non esitate a contattare lo staff scrivendo ad info@rimborsopensioni.it.

FONTE: rimborsopensioni