Il 18 giugno 2013 è entrato  in vigore la riforma del condominio, che modifica in modo sostanziale la convivenza negli edifici. Ecco alcuni punti principaliComunicazione lavori.   Le opere eseguite dal singolo all’ interno della propria unità immobiliare o su parti comuni che gli siano state attribuite in uso esclusivo, diversamente da quanto fin ora previsto, devono sempre essere comunicate preventivamente all’ amministratore che ne riferisce all’ assemblea

Fondo morosità.   Non si introduce la possibilità di creare un fondo “ preventivo ”, ma solo straordinario, durante il periodo di recupero crediti

Privacy morosi.   In caso di morosità, l’ amministratore è tenuto a comunicare i dati dei condomini morosi ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino ( ad esempio, l’ impresa che fornisce il combustibile per il riscaldamento )

Società amministratrice.   Con la riforma una società può svolgere l’ incarico di amministratore di condominio

Accettazione dell’ incarico di amministratore.   Deve avvenire per iscritto con un documento in cui si specifica l’ onorario

 

Vai su   www.pensionatiitaliani.it/articoli/

in basso trovi il pdf:  Casa dolce Casa  –  CONDOMINIO  –

 

 

Pubblica il Tuo articolo su:   www.pensionatiitaliani.it