di Uzay Bulut

Pezzo in lingua originale inglese: Turkey’s War on Christian Missionaries
Traduzioni di Angelita La Spada

  • Il pastore evangelico americano Andrew Brunson e il missionario evangelista americano-canadese sono tra i numerosi religiosi cristiani che sono rimasti vittime dell’ avversione nutrita dalla Turchia verso il Cristianesimo. Secondo Claire Evans, responsabile regionale dell’ organizzazione International Christian Concern, ” la Turchia sta rendendo sempre più evidente che non c’ è spazio per il Cristianesimo, anche se la Costituzione afferma il contrario “.
  • Oggi, solo circa lo 0,2 per cento della popolazione turca, che comprende quasi 80 milioni di persone, è cristiano. Il genocidio cristiano perpetrato nella Turchia ottomana dal 1913 al 1923 e il pogrom del 1955 che colpì i greci di Istanbul sono alcuni degli eventi più importanti che portarono in gran parte alla distruzione dell’antica comunità cristiana del paese. Ma ancora oggi in Turchia, i missionari e i cittadini cristiani continuano a essere oppressi.
  • ” Una questione che differenzia la Turchia dal resto del mondo è che la nostra identità nazionale è principalmente modellata dall’ identità religiosa. Ciò che rende un turco tale non è tanto l’ etnia, né la lingua parlata, ma soprattutto il fatto di essere musulmano. ( . . . ) Una larga maggioranza di turchi pensa che nella loro storia non c’ è nulla di cui vergognarsi. [ Essi  ] non sono legati all’ Europa e nemmeno al Medio Oriente; in poche parole, sentono di potersi fidare solo di se stessi ( . . . ) un fatto sorprendente è che [  alla domanda da noi posta  ] se tutti fossero turchi, il mondo sarebbe un posto migliore, i turchi hanno risposto molto favorevolmente. Nessuna autocritica di alcun tipo. ” – Il professor Ali Çarkoğlu della Koç University, che ha condotto insieme al professor Ersin Kalaycıoğlu della Sabancı University uno studio sul nazionalismo.
Il vescovo Luigi Padovese, vicario apostolico dell’ Anatolia, in Turchia, fu assassinato nel 2010 dal suo autista al grido di ” Allahu Akbar “, mentre tagliava la gola al sacerdote. ( Fonte dell’immagine: Raimond Spekking/CC BY-SA 3.0 via Wikimedia Commons )

   Il giorno dopo che il pastore evangelico americano Andrew Brunson è stato rilasciato da una prigione turca, un altro cristiano residente nel paese da quasi vent’ anni è stato fermato dalle autorità turche e gli è stato detto che avrebbe avuto due settimane di tempo per lasciare la Turchia senza la moglie e i tre figli. Il missionario evangelico americano-canadese, David Byle, non solo ha subito diversi fermi e interrogatori nel corso degli anni, ma è anche stato tacciato di espulsione per ben tre volte. Ogni volta, però, è stato salvato dalle sentenze giudiziarie. Questa volta, però, non è riuscito a evitare l’ esilio e ha lasciato il paese dopo aver trascorso due giorni in un centro di detenzione.

Ma quando il 20 novembre aveva cercato di tornare dalla sua famiglia in Turchia, gli è stato negato l’ ingresso nel paese. Secondo Claire Evans, responsabile regionale dell’ organizzazione International Christian Concern:

” La Turchia sta rendendo sempre più evidente che non c’ è spazio per il Cristianesimo, anche se la Costituzione afferma il contrario. Non è una coincidenza che la Turchia abbia deciso di avviare questo processo il giorno dopo la scarcerazione di Brunson e che, così facendo, le autorità abbiano ignorato un ordine giudiziario. Dobbiamo pregare per la famiglia di Byle durante questo difficile periodo di separazione “.

Brunson e Byle sono tra i numerosi religiosi cristiani che sono rimasti vittime dell’ avversione nutrita dalla Turchia verso il Cristianesimo. Nelle sue relazioni annuali sulle violazioni dei diritti umani, pubblicate dal 2009, l’ Associazione turca delle Chiese protestanti ha circostanziato le discriminazioni sistematiche compiute dalla Turchia contro i protestanti, comprese le aggressioni fisiche e verbali, e che il governo di Ankara non riconosce la comunità protestante come ” entità legale “, negandole il diritto di creare liberamente e mantenere i luoghi di culto.

I protestanti turchi non possono aprire le proprie scuole o formare i propri religiosi, costringendoli a fare affidamento sul sostegno dei leader religiosi. Tuttavia, a molti operatori religiosi stranieri e a numerosi membri della Chiesa è stato vietato l’ ingresso in Turchia, sono stati loro negati i permessi di soggiorno o sono stati espulsi.

Sebbene le attività missionarie non siano illegali secondo il codice penale turco, sia i pastori stranieri sia i cittadini turchi che si convertono al Cristianesimo vengono comunque trattati come dei reietti dalle autorità e da gran parte della gente. Non c’ è da meravigliarsi che sia così, dati gli annosi ” rapporti ” anti-cristiani stilati dalle istituzioni statali che modellano la politica governativa.

Ad esempio:

  • Nel 2001, dopo aver ricevuto un report della Organizzazione di Intelligence nazionale turca ( MIT ), il Consiglio di Sicurezza nazionale ( MGK ) dichiarò che le attività missionarie cristiane ”  costituiscono una minaccia alla sicurezza ” e sancì che occorreva ” prendere delle precauzioni contro le [ loro ] attività disgreganti e distruttive “.
  • Nel 2004, la Camera di Commercio di Ankara ( ATO ) pubblicò un rapporto in cui si affermava che ” le attività missionarie provocano aspirazioni secessioniste etniche e religiose e prendono di mira la struttura unitaria dello Stato “.
  • Nel 2005, il ministro di Stato Mehmet Aydın disse: ” Riteniamo che le attività religiose [ cristiane ] tendano a distruggere l’ unità storica, religiosa, nazionale e culturale ( . . . ) [ e tali attività ] vengono viste come un movimento estremamente pianificato con obiettivi politici”.
  • Nel 2006, le Forze armate turche ( TSK ) pubblicarono su una rivista mensile un articolo sui missionari cristiani definendoli ” una minaccia “, sottolineando la necessità di porre in essere delle norme di legge per contrastare tali attività. Quello stesso anno, Ali Bardakoğlu, all’ epoca a capo della Diyanet ( la Direzione per gli Affari religiosi finanziata dallo Stato ), dichiarò in televisione che ” è compito della Diyanet mettere in guardia la gente sui missionari e su altri movimenti che minacciano la società “.
  • Nel 2007, Niyazi Güney, un funzionario del ministero della Giustizia, affermòche ” i missionari sono ancora più pericolosi delle organizzazioni terroristiche “.

Tali condanne pubbliche dei missionari cristiani hanno avuto conseguenze concrete e devastanti.

Nel 2006, ad esempio, un leader di una chiesa protestante di nome Kamil Kıroğlu, un musulmano convertito al Cristianesimo, fu picchiato fino allo svenimento da cinque uomini, uno dei quali gli urlò: ” Nega Gesù o ti ucciderò “, e un altro gli disse: ” Non vogliamo cristiani in questo paese! ”

Sempre nel 2006, padre Andrea Santoro, un prete cattolico di 61 anni, fu assassinato mentre pregava nella chiesa di Santa Maria, a Trabzon. Cinque mesi dopo, a Samsun, fu accoltellato e ferito don Pierre François René Brunissen, un prete di 74 anni. L’ aggressore disse di aver agito contro il sacerdote in segno di protesta contro ” le sue attività missionarie “.

  Nell’ aprile 2007, tre cristiani furono torturati a morte nel massacro della casa editrice evangelica Zirve. Nel novembre dello stesso anno, un prete assiro-caldeo, Edip Daniel Savcı, venne rapito. Un mese dopo, un prete cattolico, padre Adriano Franchini, fu accoltellato durante la messa domenicale. Secondo quanto riferito, il francescano era stato ” accusato di attività missionarie ” da alcuni siti web.

Nel giugno 2010, il vescovo Luigi Padovese, vicario apostolico dell’ Anatolia, in Turchia, fu assassinato dal suo autista al grido di ” Allahu Akbar ” ( ” Allah è il più grande ” ), mentre tagliava la gola al sacerdote. Al processo, l’ assassino dichiarò che il vescovo era un ” falso messia “, e per due volte in aula recitò a gran voce l’ adhan (  la chiamata islamica alla preghiera ).

Nonostante la sua attuale presenza esigua e disintegrata in Turchia, il Cristianesimo ha una lunga storia in Asia Minore ( che fa parte dell’ attuale territorio turco ), il luogo di nascita di numerosi apostoli e santi, come Paolo, Luca, Efrem, Policarpo, Timoteo, Nicola e Ignazio. Molti episodi menzionati nella Bibbia ebbero luogo in quell’area. Le popolazioni autoctone – come gli armeni, gli assiri e i greci – sono tra le prime nazioni ad aver abbracciato la fede cristiana.

I primi sette Consigli ecumenici si svolsero in un territorio che oggi fa parte della Turchia. Stiamo parlando di Antiochia ( Antakya ) dove i seguaci di Gesù furono chiamati ” cristiani ” per la prima volta nella storia e dove San Pietro stabilì una delle prime chiese. Edessa ( Urfa nel sudest della Turchia ) era un antico centro della Chiesa ortodossa assira (siriaca). L’ antica città greca di Bisanzio (  conosciuta anche come Costantinopoli – l’ attuale Istanbul) era un fulcro del Cristianesimo e la Basilica di Santa Sofia ( Hagia Sophia ), costruita lì nel VI secolo, era la più grande chiesa del mondo – fino a quando i turchi ottomani invasero la città nel 1453 e trasformarono la chiesa in una moschea. Da allora, i cristiani della regione sono stati sotto la dominazione musulmana.

Café Liberty   Oggi, solo circa lo 0,2 per cento della popolazione turca che comprende quasi 80 milioni di persone, è cristiano. Il genocidio cristiano perpetrato nella Turchia ottomana dal 1913 al 1923 e il pogrom del 1955 che colpì i greci di Istanbul sono alcuni degli eventi più importanti che portarono in gran parte alla distruzione dell’ antica comunità cristiana del paese. Ma ancora oggi in Turchia – anche dopo l’ adesione del paese al Consiglio d’ Europa nel 1949 e alla NATO nel 1952 – i missionari e i cittadini cristiani continuano a essere oppressi.

E questo sembra accadere per due ragioni. La prima ha a che fare con la visione che l’ Islam ha dei kafir ( ” gli infedeli ” ). Come spiega il dottor Bill Warner, direttore del Centro per lo Studio dell’ Islam politico:

” La dottrina coranica sui kafir afferma che sono odiati e sono amici di Satana. I kafir possono essere derubati, uccisi, torturati, violentati, derisi, maledetti, condannati e si può tramare contro di loro “.

Warner parla anche della distruzione della civiltà greco-cristiana in Anatolia:

”  Ci sono voluti secoli per il processo di annientamento. Alcune persone ritengono che quando l’ Islam invase, i kafir furono messi davanti a una scelta: la conversione o la morte. Non fu assolutamente così. Fu introdotta la legge della Sharia e i dhimmi cristiani conservarono il loro status di ‘ protetti ‘ come gente del Libro che viveva sotto la Sharia. Il dhimmi pagava pesanti tasse, non poteva testimoniare in tribunale, non poteva esercitare alcuna autorità sui musulmani ed era umiliato dalle norme sociali. Un dhimmi doveva farsi da parte e offrire il proprio posto a un musulmano, non poteva portare armi e doveva rimettersi a un musulmano in tutto e per tutto. In tutte le questioni sociali, il dhimmi doveva piegarsi a un musulmano. Nel corso dei secoli, il degrado, la mancanza di diritti e la tassa che i dhimmi erano obbligati a pagare indussero i cristiani a convertirsi. È la Sharia che distrugge i dhimmi “.

A.la.t.Ha. Secoli dopo – nonostante la Costituzione turca non sia basata sulla Sharia – la mentalità e il comportamento della maggior parte dei turchi sono ancora in gran parte islamici. Secondo il professor Ali Çarkoğlu della Koç University, che ha condotto insieme al professor Ersin Kalaycıoğlu della Sabancı University uno studio sul nazionalismo:

” Una questione che differenzia la Turchia dal resto del mondo è che la nostra identità nazionale è principalmente modellata dall’identità religiosa. Ciò che rende un turco tale non è tanto l’ etnia, né la lingua parlata, ma soprattutto il fatto di essere musulmano. ( . . . ) Una larga maggioranza di turchi pensa che nella loro storia non c’ è nulla di cui vergognarsi. [ Essi ] non sono legati all’ Europa e nemmeno al Medio Oriente; in poche parole, sentono di potersi fidare solo di se stessi. Questa identità globale è estranea alla mentalità turca. I turchi sono turchi e un fatto sorprendente è che [  alla domanda da noi posta  ] se tutti fossero turchi, il mondo sarebbe un posto migliore, i turchi hanno risposto molto favorevolmente. Nessuna autocritica di alcun tipo “.

L’ altro motivo della persecuzione cristiana in Turchia sembra essere una paura diffusa – al limite della paranoia – che i cristiani mirino, attraverso il proselitismo, a riappropriarsi dei territori turchi sottratti loro dalla conquista turca. Ad esempio, un rapporto del 2001 della Organizzazione di Intelligence nazionale turca ( MIT ) afferma che ” i missionari fanno riferimento al Ponto [ un antico territorio greco ] nel Mar Nero, allo Yazidismo, alla Chiesa caldea e ai curdi cristiani nel sud-est della Turchia, agli armeni nella parte orientale della Turchia e alle antiche terre cristiane nella regione dell’Egeo e a Istanbul per impressionare le persone e conquistarle “.

Inoltre, nel rapporto dell’ esercito turco del 2004 si afferma che il 10 per cento dell’ intera popolazione della Turchia sarà cristiano entro il 2020.

Paradossalmente, prima del genocidio cristiano del 1913-1923, la popolazione del territorio che è oggi la Turchia era di circa 14 milioni di persone, di cui quasi un terzo ( 4,5 milioni ) era cristiano. Il genocidio svuotò in gran parte l’ Impero ottomano e l’ attuale Turchia della propria popolazione cristiana, creando un paese quasi interamente musulmano.

Nonostante questa storia criminale, molti turchi continuano a colpire costantemente i cristiani. Molte personalità – tra cui politici, accademici, polizia e sindacati – demonizzano i missionari, accusandoli di impegnarsi in attività ” secessioniste “, ” minacciose “, ” aggressive “, ” distruttive ” e ” terroristiche “.

  Queste persone sembrano essere impegnate in una proiezione, poiché sono i jihadisti islamici che hanno violentemente invaso e conquistato le terre straniere, e trasformato i non musulmani in schiavi o in cittadini di seconda classe del loro impero – qualcosa che molti turchi approvano con orgoglio ed esaltano della loro storia. Il sito web ufficiale delle forze armate turche, ad esempio, data con orgoglio la creazione dell’esercito turco al ” 209 a.C., durante il Grande Impero unno “, i cui governanti e soldati, come scrive lo storico Joshua J. Mark, ” portarono morte e devastazione ovunque andarono “, inclusa l’ Europa. L’ esercito turco, un membro della NATO, si vanta altresì del fatto che i turchi abbiano ” sottomesso e dominato numerose popolazioni, nazioni e stati di un’ ampia area geografica che va dall’Asia all’Europa sino all’ Africa “.

In concreto, dal punto di vista della Turchia, la persecuzione dei pastori evangelici Brunson e Byle è perfettamente normale.

Uzay Bulut, giornalista turca, è Distinguished Senior Fellow presso il Gatestone Institute e attualmente vive a Washington D.C.

 

 

Vi aspetti-AMO QUI’: https://www.pensionatiitaliani.it/download/ 

La Newsletter di “ Il Simpatizzante “ di: A. ROSI & R. FERRARI