di: Nunzio Miccoli www.viruslibertario.it;   viruslibertario@gmail.com.

 

A settembre del 2020, Trump, per combattere la Cina, progetta un G11 allargato a Russia, Australia, India e Corea del sud, la Russia era stata in precedenza esclusa dagli Usa da questi incontri, per il suo intervento nella crisi ucraina, India e Australia hanno un contenzioso con la Cina e la Corea del Sud è alleata degli Usa, che ora le chiedono di staccarsi anche economicamente dalla Cina.

La guerra propagandistica di Trump contro la Cina addebita a quest’ ultima l’ epidemia del Covid-19, scorrettezze commerciali, spionaggio, concorrenza sleale e furto di brevetti; ma tutti gli stati, chi prima e chi dopo, sono responsabili di azioni del genere, soprattutto quelli che vogliono emergere. Gli Usa hanno perso una bomba atomica nei ghiacci del nord, Russia e Giappone hanno provocato disastri con le centrali nucleari, la Germania ha provocato, colposamente, la morte di operai di un’ acciaieria italiana, aerei militari Usa hanno rotto i cavi di una funivia italiana, facendo cadere la cabina e provocando tanti morti.

La Cina desidera l’ Unità Europea e la Russia, poco popolata e agognata dai tedeschi, starebbe tra Europa e Cina, il rinvio del G7 da maggio a settembre, allargato a 11 stati, è stato favorito dal rifiuto della Merkel a partecipare al G7, l’ UE a trazione tedesca si rifiuta di applicare le sanzioni americane alla Cina, per le repressioni cinesi a Hong Kong, rinfacciate dagli Usa alla Cina, ma ora, a causa della morte di un negro, provocata da un poliziotto americano,  ne sono scoppiate anche in USA.

A causa del rifiuto tedesco di partecipare al G7, Trump  minaccia di ritirare parte delle truppe americane dalla Germania. USA, UK, Australia e Canada si sono compattati, poiché la Cina ha violato gli accordi sull’ autonomia di Hong Kong, Londra ha deciso di concedere la cittadinanza a 300.000 cittadini profughi di Hong Kong e di creare un asse di 10 paesi, per creare un’ alternativa, nel settore delle telecomunicazioni, al 5G Huawei cinese, sospettato dagli americani di spionaggio. Ad ogni modo, la Nuova Zelanda ha rifiutato le sanzioni americane alla Cina, per gli studenti cinesi accusati di spionaggio industriale.

Intanto il Pakistan ha aperto la rotta marittima partente dal porto di Gwadar che, assieme a Gibuti in Africa e Atene in Grecia, diventerebbero basi commerciali cinesi, emulando le basi navali controllate dagli europei in Cina, dopo la guerra dell’ oppio (  1860  ). L’ Afganistan confina con lo Xinjiang cinese e con territori da dove si diffonde lo jihadismo islamico degli uiguri. Per bloccare l’ afflusso di emigranti provenienti dalla Turchia, l’ agenzia europea Frontex, tacitamente d’ accordo con il governo italiano, poiché è poco interessata a fermare l’ immigrazione in Italia, fa accordi con i paesi balcanici.

Archiviata la seconda guerra mondiale e la guerra fredda tra Usa e Russia, Germania, Cina, Russia, Usa e paesi islamici si stanno riposizionando. Washington e Berlino duellano e la seconda, che dirige di fatto l’ UE, per ragioni politiche e commerciali, guarda alla Cina, la Russia comincia a preoccuparsi. Egitto e Turchia vogliono normalizzare le loro relazioni, divenute gelidi dopo il golpe di Al Sisi contro Morsi del 2013, il quale era sostenuto da Turchia e dai fratelli musulmani combattuti dall’ Egitto.

Tra Egitto, Turchia, Cipro e Israele sono in ballo interessi strategici, commerciali ed energetici, l’ Egitto, che vuole comprare navi militari dall’ Italia, cerca di convincere la Turchia a sostenere Tripoli scaricando Tobruk ma, per farlo, dovrebbe, a sua volta, sganciarsi dai sauditi, sostenuti dagli americani; però  bisogna dire, per tranquillizzare gli stati avversari, che la Turchia ha sempre usato, in modo strumentale e in diversi paesi, i fratelli musulmani, (  gli stati hanno sempre tre facce  ). (  Per le notize, fonte: Federico Petroni – limesonline.com  ).

 

 

basta un clik per vedere le news di giugno…  https://www.pensionatiitaliani.it/?dl_name=Giugno___Giun___Junho__2020___IL_SIMPATIZZANTE.pdf