Di: Nunzio Miccoli 

Chi ha venduto recentemente BTP italiani, sulla base di notizie dell’ informazione italiana, sempre disposta a giurare sulle falle della politica, di qualsiasi colore, e dell’ economia italiana, ha sbagliato; questa informazione, finanziata dallo stato, favorendo il rialzo dello spread, è abituata a usare i dati contro l’ Italia e favore dell’ UE e dei mercati, ignorando gli acquisti di questi titoli dall’ estero, i quali denotano fiducia.

Nell’ ottobre 2018, per fare un dispetto al governo giallo-verde, fu comunicata la notizia della fuga di capitali dall’ Italia, causata dalla vendita, da parte di stranieri, dei nostri titoli; anche se questi avevano provvisoriamente parcheggiato il ricavato di 66 miliardi di euro presso banche italiane, dimostrando ancora fiducia verso l’ Italia. I dati del 19.9.2019 della banca d’ Italia, dopo il cambio di governo, ci presentano una situazione ribaltata.

Gli stranieri hanno alimentato i loro investimenti in titoli italiani per 66 miliardi di euro, di cui 54 miliardi in titoli pubblici, come conseguenza, c’ è stato il calo della passività Target2, da parte della banca d’ Italia con la BCE, per 51 miliardi di euro. Questo calo ha migliorato anche la posizione finanziaria dell’ Italia verso l’estero; la variazione è coincisa con l’ avvento del governo giallo-rosso, salutato clamorosamente da Francia, Germania e commissione europea.

A giugno 2019 la BCE ha manifestato la volontà di riprendere ad acquistare titoli pubblici, perciò è iniziata la corsa all’ acquisto dei titoli di stato italiani, considerati dagli investitori tra i migliori, per rischio e rendimento; per conseguenza degli acquisti, è iniziata la discesa dei tassi dei BTP; a dimostrazione della fiducia degli investitori, l’ Italia non conosce aste deserte per questi titoli, infatti, le domande sono molto più elevate delle offerte.

Quando accadevano questi fatti, la commissione UE, nemica dell’ Italia, aveva tenuto aperto, per pochi decimali, un contenzioso con l’ Italia sul suo debito pubblico, poi, con il nuovo presidente Ursula von der Leyen, rinnegando il suo precedente pensiero, ha approvato una politica di bilancio più espansiva, probabilmente perché la Germania ne aveva bisogno per fronteggiare la sua recessione.

Comunque, i gestori di fondi esteri, vittime dei profeti di sventure e delle società di rating che avevano fatto salire lo spread italiano, hanno lamentato di essere rimasti sotto pesati sui titoli di stato italiani che avevano prenotato e non avevano acquistato; vittime dell’ informazione, facevano fatica a capire cosa succedeva tra governo italiano e UE. In questa situazione, alle aste di BTP, hanno fatto la parte del leone le banche italiane, invitate, in precedenza, dalla commissione europea a ridurre il loro portafoglio in BTP, forse perché questi titoli, a causa del loro alto interesse e della loro solidità, interessavano a diverse banche straniere.

Le banche italiane hanno acquistato titoli italiani per 63 miliardi di euro e la Banca d’ Italia ne ha acquistati per 29 miliardi; in quest’ ultimo anno i tassi dei BTP decennali sono scesi dal 3,5% allo 0,90%, con grande risparmio di interessi per il Tesoro italiano e facendo un regalo gradito al governo giallo rosso; chi ha venduto quelli ad alto interesse, perché sedotto dall’ informazione dei profeti di sventure, ora si sta mordendo le mani. ( Per le notizie, fonte: Giuseppe Liturri – startmag.it ).

—–

Di Maio è accusato dai suoi di avere troppi poteri e una fronda interna del suo partito, temendo di non essere rieletta, poiché non esiste il vincolo di mandato, che sarebbe giusto, minaccia di passare alla Lega. Se ci sarà la sconfitta del governo giallo rosso alle prossime elezioni amministrative umbre, ci potrebbe essere il passaggio di questi parlamentari dal M5S alla Lega e perciò la maggioranza giallo rossa diventerebbe minoranza; in quel caso, Mattarella, anche se è seguace di Macron, che è nemico di Salvini, potrebbe indire le elezioni anticipate.

—–

L’opinione espressa da Salvini sul fine vita o aiuto al suicidio assistito, che è conforme all’indirizzo della chiesa e contraria a una sentenza più liberale della corte costituzionale, poiché gli italiani sono in maggioranza a  favore di una qualche forma di eutanasia, potrebbe costargli cara alle prossime elezioni politiche. Di Maio, appoggiando la sentenza, ha detto che la questione non riguarda destra e sinistra ma la coscienza degli italiani e perciò dovrebbe liberamente decidere il parlamento.  Secondo alcuni sondaggi, pare che gli italiani, che sono in maggioranza a favore di divorzio, aborto ed eutanasia, sostengano più l’eutanasia, in qualsiasi forma, che l’ aborto.

 

Buongiorno Simpatizzante,

    nell’ allegato PDF, alcune importanti rubriche: “ IL VECCHIETTO DOVE LO METTO  ”: I VECCHI CHE NON VUOLE NESSUNO, I VECCHI DA BUTTAR VIA. “ MARIA DICORATO E’ TORNATA ALLA CASA DEL PADRE ” di: Franco POLVER. Cos’e’ avvenuto il 23 di Settembre?, e . . . CONSIGLI PER GLI ACQUISTI: Il miele e gli anziani in: www.pensionatiitaliani.it/convenzioni/www.pensionatiitaliani.it/download/

Felicità